EUROPA DONNA ITALIA

IL MOVIMENTO PER LA PREVENZIONE E CURA DEL TUMORE AL SENO

Più siamo, più contiamo

A Europa Donna Italia abbiamo a cuore i diritti delle donne e ci battiamo per loro attraverso quasi 150 associazioni di volontariato che condividono la nostra missione. Lavoriamo per sensibilizzare le istituzioni sanitarie affinché attuino delibere, leggi e norme per facilitare la prevenzione e la cura del tumore al seno. Lo facciamo con la supervisione di un comitato tecnico scientifico composto dai migliori clinici che lavorano nei migliori centri di cura italiani. Crediamo in un Paese dove l’accesso all’informazione e alle cure seguano gli standard d’eccellenza europei. Il portale è un servizio per tutte le donne, le associazioni di volontariato, le istituzioni, i media e tutti coloro che, come noi, credono che il tumore al seno sia possibile sconfiggerlo e che le pazienti possano avere una qualità della vita migliore. Anche quando la patologia diventa cronica.

Rosanna D’Antona
Presidente

Tumore al seno, la diagnosi precoce non può più aspettare

Anche se il COVID-19 ha catalizzato l’attenzione di tutti negli ultimi mesi, non bisogna dimenticare che esistono altre patologie non meno pericolose per la vita. L’anticipazione diagnostica del tumore al seno, attraverso i programmi regionali di screening mammografico, è la prima strategia per ottenere le maggiori probabilità di guarigione.

Per questo motivo, Europa Donna Italia, insieme ad altre associazioni e società scientifiche impegnate in senologia, rivolge un duplice appello: alle Istituzioni, perché lo screening e le attività della diagnostica senologica riprendano al più presto e a pieno regime su tutto il territorio nazionale, e alle Donne, perché non rimandino i controlli e si rivolgano con fiducia alle Breast Unit di riferimento in cui si svolgono i programmi di screening. Non si può più aspettare, il tumore al seno si batte sul tempo.

coronavirus

In diretta con

loro-in-diretta-com
Guarda

60 risposte in 60''

Sfondo-solo-logo-60
Guarda

News

Tumore al seno, la diagnosi non può aspettare