Europa Donna Italia è la sede nazionale di Europa Donna Breast Cancer Coalition, movimento di respiro internazionale che rappresenta presso le istituzioni pubbliche i diritti delle donne nella prevenzione e cura del tumore al seno. Fondata nel 1994 a Milano su intuizione dell’oncologo Umberto Veronesi e iniziativa della European School of Oncology, Europa Donna è oggi presente in 47 Paesi. Con l’obiettivo di rispondere efficacemente alle esigenze delle donne prima, durante e dopo la malattia, Europa Donna svolge un’opera di sensibilizzazione sul tumore al seno, proponendosi come il principale movimento di opinione sul tema. L’impegno di Europa Donna Italia si concretizza in tre macroaree:

  • SENSIBILIZZAZIONE

Diffondere un’aggiornata educazione alla prevenzione e al trattamento del tumore al seno presso una sempre più ampia popolazione femminile. Promuovere la partecipazione attiva della donna nelle fasi decisionali e programmatiche della cura.

  • PREVENZIONE

Assicurare in ogni regione il coinvolgimento di tutta la popolazione interessata ai programmi di screening mammografico, non più standardizzati ma personalizzati per ciascuna donna in base alla valutazione dei fattori di rischio individuali.

  • CURA

Promuovere e monitorare l’istituzione della rete nazionale dei centri di senologia multidisciplinari (Breast Unit) prevista dalle
raccomandazioni europee e dalle linee di indirizzo del Ministero della Salute. [Queste strutture garantiscono elevati standard di qualità delle cure e un’aumentata percentuale di sopravvivenza del 18% (ref)].

Per raggiungere questi obiettivi Europa Donna Italia opera in collaborazione e raccordo costante con tutte le associazioni di volontariato che prestano assistenza alle donne sul territorio. Ad oggi aderiscono a Europa Donna Italia 131 associazioni provenienti da tutte le Regioni.

Le priorità di Europa Donna Italia sono funzionali al raggiungimento di quattro obiettivi principali:

Breast Unit
Il parlamento europeo ha stabilito che entro il 2016 ogni stato membro avrebbe dovuto dotarsi di una rete di centri di senologia multidisciplinari. Tuttavia, in alcune Regioni d’Italia il processo non è stato ancora completato e in altre nemmeno avviato. Le donne trattate nelle Breast Unit godono di una migliore qualità della vita ma soprattutto hanno una percentuale di sopravvivenza del 18% più elevata rispetto a chi si rivolge a strutture non specializzate.
Prevenzione
Il tumore al seno è la neoplasia più frequente nella popolazione femminile e colpisce una donna italiana ogni otto. Non esiste un metodo sicuro per evitarlo, ma si può ridurre la probabilità di ammalarsi adottando stili di vita corretti e diagnosi precoce.
Familiarità
Tra i fattori di rischio della malattia ce ne sono alcuni impossibili da prevenire come le mutazioni genetiche che si trasmettono dai genitori ai figli. I tumori al seno causati da queste alterazioni si presentano spesso in donne giovani che devono poter essere inserite in un percorso di sorveglianza specifico.
Metastasi
Un tumore che dalla propria sede si diffonde in altre regioni del corpo è detto metastatico o al IV stadio. È una malattia tuttora non guaribile – ma curabile, cioè con la quale è possibile convivere – e dalle conseguenze importanti per la qualità della vita della paziente. Le donne con tumore al seno metastatico necessitano perciò di solidarietà e supporto, assistenza psicologica specifica e percorsi di diagnosi e cura preferenziali.